La lucida agonia del Commodoro di sua maestà britannica

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • La lucida agonia del Commodoro di sua maestà britannica
Unnia Mario

La lucida agonia del Commodoro di sua maestà britannica

In cinque scene un grottesco amaro allegorico del nostro tempo



E se un giorno dovessimo scoprire che a guidarci e a determinarci, non è altri che una semplice mosca? Come quella che si annida nel cervello del Commodoro..


Nell’ospedale della Marina britannica giace gravemente ammalato il Commodoro: lui, non l’ammiraglio Nelson, nella battaglia di Trafalgar, ha condotto la Royal Navy alla vittoria. È una lunga agonia: prima gli tagliano la gamba destra, poi la sinistra, quindi il bacino e a seguire il tronco e le braccia. Finchè, aperto il cranio, si scoprirà che negli anfratti del cervello c’è una Mosca, viva, e che è stata lei a pilotare la mente del Commodoro in battaglia. Un susseguirsi di allegorie: chi è il Commodoro? Chi finisce affettato: un uomo noto, un partito, un paese? E chi sarà mai la Mosca salvifica?
Anno: 2011 | Pagine: 114 | Collana: (TDL) | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862503273

Disponibilità: Non disponibile

€ 9,50