Chi comanda in Italia NE

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • Chi comanda in Italia NE
Sapelli Giulio

Chi comanda in Italia


Con un saggio di Antonio Pilati «Poteri dispersi e sovranità perduta»


Il potere in Italia è stato per quarant’anni l’intreccio tra partiti, grandi imprese e banche. Oggi lo scenario cambia e, nella rottura degli equilibri tra le forze, il Paese si sfalda, mentre le parti politiche si consolidano in strutture di dominio personalistiche. Il potere è ormai allo stato gassoso, in assenza di una classe dirigente capace di tenere insieme la nazione. La magistratura, oltre al dio denaro, sembra essere l’unica forma di potere rimasta, unitamente ai condizionamenti internazionali di una sovranità sempre più limitata, in cui l’egemonia americana è sostituita da quella tedesca.
Un saggio di Antonio Pilati riallaccia l’analisi dell’autore alla situazione odierna, ravvisandone una continuità. Chiude il libro la traduzione della lettera aperta del 1996 di Helmut Schmidt, ex-cancelliere tedesco, a Hans Tietmeyer, allora Presidente della Bundesbank: un documento archetipo di un potere statale forte dove si sa chi comanda. In Italia, non è dato saperlo.


Giulio Sapelli è nato a Torino nel 1947 e ha insegnato in Europa, in Australia e nelle due Americhe e i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Ha lavorato e lavora come formatore, consulente strategico e consigliere di amministrazione per importanti imprese internazionali. Nel 2018 gli è stato assegnato il Premio «Manlio Germozzi» che va ai più meritevoli sostenitori delle virtù dell’artigianato e delle piccole imprese.

Anno: 2018 | Pagine: 208 | Collana: (SMA) | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862507349

Disponibilità: Disponibile

€ 16,50