La resistenza silenziosa

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • La resistenza silenziosa
Impagliazzo Marco (a cura di)

La resistenza silenziosa

Leggi razziste e deportazione nella memoria degli ebrei di Roma

prefazione di Elio Toaff


Il 16 ottobre 1943 gli ebrei romani furono arrestati dai nazisti e deportati ad Auschwitz: più di mille, uomini, donne, bambini e anziani, persero la vita nel famigerato campo della morte. Fino alla liberazione della città, il 4 giugno 1944, altre centinaia di ebrei furono arrestati e deportati. Coloro che sfuggirono alla morte vissero i mesi successivi nascondendosi e fuggendo dai nazisti e dagli italiani collaborazionisti di Salò. Questo libro, che si presenta in una seconda edizione a settant’anni dalla tragedia, racconta le loro storie attraverso le testimonianze dirette di chi ha vissuto quel tragico periodo, aperto dalle leggi razziste del 1938, che hanno preparato la strada alle deportazioni. Il testo è arricchito dalla toccante testimonianza di Enzo Camerino, preso il 16 ottobre, deportato ad Auschwitz e tra i sedici sopravvissuti, tornati dall’inferno dei campi: le sue memorie ci restituiscono il tragico percorso di chi quel 16 ottobre fu strappato dalla propria casa e dai propri affetti e condotto verso la morte a causa di un’ideologia fondata sull’odio per chi viene percepito come diverso.
Anno: 2013 | Pagine: 191 | Collana: (DSS) | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862504300

Disponibilità: Disponibile

€ 17,50