A tu per tu con Isaac Getz

 
Condivisione:

A seguito della presentazione promossa dall’Istituto Bruno Leoni del libro Freedom Inc. in occasione della sua uscita in Italia, abbiamo raggiunto Isaac Getz in hotel per farci raccontare che cos’è una “impresa liberata”.


Gli ultimi due decenni hanno visto crescere un movimento globale che ha silenziosamente trasformato decine di imprese e l’esistenza di migliaia di lavoratori utilizzando una risorsa a molti sconosciuta: la libertà e la responsabilità delle persone di fare ciò che loro, non i loro capi, decidono essere migliore per l’azienda secondo un proposito da tutti condiviso.

Freedom Inc., libro oggi tradotto in sei lingue, per mesi in vetta alle classifiche di settore in Francia, ha colto questo fenomeno al suo nascere e ha contribuito in modo decisivo a trasformarlo in un movimento globale che abbraccia imprese di ogni settore e dimensione, da aziende familiari a multinazionali con operazioni su scala planetaria.

Isaac Getz e Brian M. Carney, grazie all’Istituto Bruno Leoni, hanno presentato l’edizione italiana del libro presso la magnifica Residenza Vignale di Milano lo scorso 8 ottobre. Il giorno successivo, insieme ad alcuni giornalisti, abbiamo avuto la straordinaria opportunità di chiacchierare con Isaac Getz di “imprese liberate” e della loro importanza nell’ecosistema economico in cui viviamo.

Isaac Getz
Isaac Getz
Isaac Getz
Intervista a Isaac Getz
Getz incontra la stampa italiana
L’autore risponde ai giornalisti
Cartella stampa Freedom Inc
Freedom Inc. edito Guerini Next

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fra i tanti temi sviscerati, abbiamo innanzitutto compreso quanta parte delle più diffuse convinzioni in tema di organizzazione del lavoro derivino dall’utilizzo di una terminologia non più adeguata ai tempi.

  • Nessuna rivoluzione. Quella delle imprese liberate è una evoluzione o, ancora meglio, una trasformazione radicale dettata dai tempi che cambiano e dalle forme socio-economiche che plasmano la nostra società.
  • Il training è morto. Solo l’educazione può produrre leader capaci di guidare aziende che evolvono, crescono e si sviluppano. Non serve a nulla “allenarsi” se non si ha la conoscenza, ovvero la chiave per sapersi adattare alle trasformazioni continue.
  • Risorse? No, grazie. Solo se iniziamo a parlare di persone, invece che di risorse saremo in grado di considerare ognuno per quello che è e di valorizzarne le competenze. In questo modo sarà possibile creare le premesse per la liberazione del potenziale più elevato di ciascuno.

L’evoluzione può talvolta essere difficile, ma non impossibile.
Per saperne di più https://bit.ly/2CyUSOW

Condivisione: