L'ultimo spazio di libertà

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • L'ultimo spazio di libertà
Squarcina Enrico

L'ultimo spazio di libertà

Un approccio umanistico e culturale alla geografia del mare

Prefazione di Marcella Schmidt di Friedberg


L’analisi geografica si è prevalentemente concentrata sulla superficie solida del nostro pianeta, nonostante il mare ne ricopra la maggior parte. Soprattutto rari sono gli studi geografici che riguardano il rapporto culturale ed emozionale degli esseri umani con il mare. Eppure questo enorme spazio è stato caricato da parte di chi lo frequenta, direttamente come navigante, o indirettamente come lettore o spettatore dei tanti racconti che vi sono ambientati, di valori simbolici e culturali che concorrono a dargli un senso, a permetterci di farlo nostro da un punto di vista culturale e affettivo.
Il libro vuole essere un tentativo d’indagine sul senso attribuito al mare da una categoria particolare di suoi frequentatori: i praticanti la vela d’altura.
Attorno a questa esperienza del mare, sia diretta sia mediata, si costituisce una comunità che comprende i velisti di tutto il mondo e di tutti i tempi, e che vede negli spazi pelagici una «terra promessa» a cui fare riferimento anche nella vita quotidiana trascorsa a terra.

Anno: 2015 | Pagine: 141 | Collana: (SP) | Edizione: Guerini scientifica

ISBN: 9788881073818

Disponibilità: Disponibile

€ 14,00