Confartigianato

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • Confartigianato
Paladini Anna Pina

Confartigianato

Dalle origini al consolidamento democratico (1946-1958)

Premessa di Giorgio Merletti, presentazione di Anna Lucia Denitto, prefazione di Giulio Sapelli, postfazione di Matteo Morandi



All'indomani della seconda guerra mondiale, in un Paese alle prese con i problemi della ricostruzione, gli artigiani muovono i primi passi verso l’associazionismo e la rappresentanza degli interessi sulle ceneri dell’esperienza fascista. Trova origine in questo momento Confartigianato, una confederazione che articola il suo progetto democratico attorno ad alcuni principi cardine: difesa della proprietà privata e della libertà d’iniziativa dell’artigiano, collaborazione con gli industriali, impegno per la rappresentanza unitaria, valorizzazione dell’artigianato come componente fondamentale del ceto medio.
Il volume ricostruisce la fase fondativa e quella dello sviluppo associativo di questo organismo dalla metà degli anni Quaranta alla fine del decennio successivo, avvalendosi di una ricca documentazione interna e di fonti confindustriali e parlamentari. La ricerca affronta aspetti ancora poco studiati, come il dibattito sulla definizione dell’artigianato e sul suo ruolo economico e sociale, il progressivo definirsi del rapporto tra associazionismo artigiano, partiti e istituzioni, con particolare attenzione al non facile incontro tra le rivendicazioni confederali e le scelte governative nel corso del primo ciclo riformatore delle politiche per l’artigianato.

Anno: 2016 | Pagine: 240 | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862506526

Disponibilità: Disponibile

€ 17,50