Esilio siriano

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • Esilio siriano
Calculli Marina, Hamadi Shady (a cura di)

Esilio siriano

Migrazioni e responsabilità politiche


Acquista il formato e-book: Amazon | Apple iBookstore | Giunti al Punto | Google Play | IBS.it | Kobo Books | LaFeltrinelli.it | Libreria Rizzoli | MondadoriStore |

Il dramma del popolo siriano non è soltanto racchiuso nella guerra devastante che dal 2011 ha ucciso migliaia di persone e distrutto gran parte delle infrastrutture del paese, ma si risolve soprattutto nell’esilio. L’esilio è al contempo una condizione materiale e mentale: è il trauma sentimentale della privazione e del distacco forzato dalla propria terra ma si realizza anche nell’impossibilità di essere libero in patria. L’esule si accomiata dall’esercizio della cittadinanza, perché privato del suo spazio pubblico. In questa prospettiva, Esilio siriano esalta il carattere squisitamente ed essenzialmente «politico» della condizione dell’esule – cominciato ben prima del 2011 e articolatosi attraverso vie di fuga, sopravvivenza e resistenza al regime degli Asad. Tuttavia, attraverso la rivoluzione del 2011 e la guerra che ne segue, la Siria si dissolve nei fragili equilibri geopolitici che uniscono tra loro la crisi dei confini mediorientali, la creazione del sedicente «Stato Islamico», fino a un’Europa che ha già in parte sacrificato le sue premesse liberali di fronte all’emergenza umanitaria dei rifugiati. Attraverso l’unione di competenze diverse, mutuate da un’esperienza diretta della Siria, comune a tutti gli autori di questo libro, Esilio siriano ha l’ambizione di proporre una sintesi dell’intreccio delle varie crisi politiche – nazionali, regionali e internazionali – oggi rappresentate dal dramma del popolo siriano.


Gli autori


Ibrahim Al-Marashi è assistant professor presso la California State University San Marcos (CSUSM). È co-autore di Iraq’s Armed Forces: An Analytical History (2008), e di The Modern History of Iraq, con Phebe Marr (2016).


Marina Calculli è studiosa di Relazioni Internazionali del Medio Oriente. Si occupa di costruzione dello stato e sicurezza, con particolare attenzione alla Siria e al Libano. Questo libro è stato ideato e realizzato mentre era Fulbright fellow presso l’Institute for Middle Eastern Studies, Elliott School of International Affairs, The George Washington University. Attualmente è assegnista di ricerca presso l’Università “L’Orientale” di Napoli e associate research fellow presso il Middle East Centre delSt. Antony’s College, University of Oxford.


Estella Carpi è un’antropologa sociale che si occupa prevalentemente di migrazioni forzate, assistenza umanitaria, emergenze e welfare nel Levante arabo. Attualmente è ricercatrice presso la Development Planning Unit (University College London). Negli ultimi otto anni ha lavorato come consulente per diverse istituzioni accademiche, di ricerca e sviluppo in Medio Oriente.Eugenio Dacrema è dottorando presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento. È inoltre ricercatore associato dell’ISPI di Milano e presso l’Istituto Issam Fares dell’Università Americana di Beirut. Scrive su diverse testate nazionali, tra cui Corriere della Sera, Il Foglio e Linkiesta.


Mohamed Dibo è nato nel 1977 in Siria. Ha pubblicato diversi libri fra i quali E se fossi morto? (traduzione di Francesca Pistono, 2015). Lavora come giornalista per diversi giornali fra i quali Al Araby al Jadid.


Filippo Dionigi è ricercatore presso la London School of Economics Middle East Centre. Attualmente lavora sull’impatto dei rifugiati siriani nei paesi arabi ospitanti.


Shady Hamadi è nato a Milano nel 1988 ed è laureato in Scienze Politiche. Collabora con diversi giornali fra cui il Fatto Quotidiano.it e il Corriere della Sera. Ha pubblicato diversi libri, fra i quali La felicità araba. Storia della mia famiglia e della rivoluzione siriana (2013).


Eva Ziedan è un’archeologa siriana, laureata all’Università di Damasco nel 2007. Tra il 2011 e il 2013 ha vissuto in Italia, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia presso l’Università di Udine. Da luglio 2013 lavora a Beirut (Libano) con un’organizzazione internazionale, collabora con il sito di informazione SiriaLibano ed è impegnata in un progetto legato allo sviluppo e la società civile siriana.


L’illustrazione di copertina è di Hani Abbas.

Anno: 2016 | Pagine: 192 | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862506403

Disponibilità: Disponibile

€ 18,50