All'inizio era la favola

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • All'inizio era la favola
Valéry Paul

All'inizio era la favola

Scritti sul mito

a cura di Elio Franzini


«All’inizio era la favola»: con questa formula Valéry presenta il nucleo fantastico delle narrazioni mitiche. E proprio la genesi del mito, tema fondamentale nella sua opera, viene qui seguita in un inedito percorso polifonico attraverso la varietà dei generi letterari. Se, nella Piccola lettera sui miti, mito è il fantasma dell’amore nella sua intensità e brevità, nell’Uomo e la conchiglia è il racconto delle emozioni di un intelletto che descrive l’infinita varietà di una conchiglia: elogio dell’ordine e della fantasia misteriosamente unite nella creazione della natura e dell’arte. Elogio che prosegue in Su Eureka dove il commento a un saggio di E.A. Poe diviene canto delle origini, mistero della favola come principio di invenzione.
Mito e arte nuovamente si incontrano in Anfione, opera in cui la musica, la poesia e la prosa si fondono nel mito dell’artista, del costruttore scelto da Apollo, figura della metamorfosi dell’arte. Un mito, tuttavia, rivissuto e rimediato dall’uomo moderno, che, nella creazione artistica, vede la lotta fra il divino e il demonico, una trama in cui la grazia è unita al dolore e alla passione. Questo drammatico contrasto trova la sua conclusiva espressione in un breve poema in prosa, L’angelo, che Valéry scrisse poco prima della morte, avvenuta a Parigi nel luglio 1945. L’angelo rappresenta la tormentata certezza che il mito continua nel dialogo dell’arte, nella sua possibilità di interpretare l’uomo e il mondo, di attingere sempre di nuovo alla ricchezza favolistica dell’«inizio», al mistero originario della parola poetica.
Valéry riposa a Sète, dove era nato nell’ottobre 1871, nel cimitero marino che cantò nella sua lirica più famosa: dalla sua bianca e semplice tomba si apre alla vista la distesa del mare. E lo sguardo sul mare – il Mediterraneo e i suoi miti – ancora ricorda la favola dell’inizio, il «desiderio furioso di rompere il ciclo futuro (…) una sete di schiuma sconosciuta, di tempo vergine, di avvenimenti variati all’infinito».


Elio Franzini

Anno: 2016 | Pagine: 108 | Collana: (OP-NS) | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862506212

Disponibilità: Disponibile

€ 12,50