Il divieto di idolatria tra monoteismo e iconoloclastia

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • Il divieto di idolatria tra monoteismo e iconoloclastia
Di Castro Raffaella

Il divieto di idolatria tra monoteismo e iconoclastia

Una lettura attraverso Emmanuel Levinas



Idea centrale del monoteismo ebraico, il divieto di idolatria non va inteso come principio dogmatico e aprioristico di separazione tra Dio e idoli, bene e male, popolo ebraico e nazioni pagane, ma come consapevolezza critica che l’idolatria è un rischio interno alla condizione umana. Non solo del Dio unico è vietato fare immagini idolatriche, ma della stessa idolatria. L’idolo infatti non è una cosa ma un modo, al tempo stesso totalizzante e riduttivo, di relazionarsi all’alterità.
L’intera opera di Levinas può essere letta come un rigoroso gesto di adempimento del divieto biblico. Questa chiave interpretativa è esaminata alla luce dei passi in cui il divieto è tema esplicito, mostrandone la fecondità metodologica implicita, ma anche interrogandosi sui rischi e sulle effettive cadute idolatriche del pensiero levinasiano. Verifica necessaria per ogni progetto anti-idolatrico che intenda restare all’interno dell’orientamento monoteista e non rovesciarsi nell’antitesi iconoclastica tra due o più idoli contrapposti.
Anno: 2013 | Pagine: 463 | Edizione: Guerini Studio

ISBN: 9788862504133

Disponibilità: Disponibile

€ 34,00