Giovanni Paolo II e la fine del comunismo

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre immagini

  • Giovanni Paolo II e la fine del comunismo
Signifredi Massimiliano

Giovanni Paolo II e la fine del comunismo

La transizione in Polonia (1978-1989)

prefazione di Andrea Riccardi


Il 16 ottobre 1978 fu eletto Giovanni Paolo II. Per la prima volta dopo 455 anni, a guidare la Chiesa cattolica non era un italiano. Rilevante per la storia del cristianesimo, il fatto assumeva valenze geopolitiche per l’origine del nuovo papa: Karol Wojtyła veniva infatti dalla Polonia, fulcro dell’impero sovietico in Europa orientale. In un contesto internazionale caratterizzato dal riacutizzarsi della guerra fredda, l’elezione del papa polacco impresse una svolta decisiva ai rapporti tra i blocchi e il suo paese divenne il crocevia di uno dei cambiamenti più vasti e radicali della storia del Novecento: la fine del comunismo.
Dall’elezione di Giovanni Paolo II alla nascita di Solidarnos´c´, fino alla Tavola rotonda e alle elezioni del 1989, il cui risultato sorprendente diede vita al primo governo non comunista in Europa dell’Est, l’autore ricostruisce i passaggi decisivi di un decennio di storia grazie a una documentazione largamente inedita, frutto di ricerche negli archivi polacchi e di numerose interviste ai protagonisti di quegli anni.
Anno: 2013 | Pagine: 495 | Collana: (CO) | Edizione: Guerini e Associati

ISBN: 9788862504317

Disponibilità: Disponibile

€ 29,50